Santo Stefano di Sessanio – Gioiello d’Abruzzo

Cari viaggiatori, se siete alla ricerca di informazioni su un piccolo borgo situato in Abruzzo, Santo Stefano di Sessanio, siete nel posto giusto. Devo ammettere che non ne avevo mai sentito parlare ma in occasione di una gita a Rocca Calascio, che sognavo di vedere da un bel pò, ho cercato online qualche informazione su cosa vedere anche nei dintorni. La mia attenzione è ricaduta proprio su Santo Stefano di Sessanio, piccolo e bellissimo borgo situato nel Parco Nazionale del Gran Sasso – Monti della Laga dalla storia piuttosto particolare. 

In questo gioiello architettonico medievale vivono soltanto 120 persone ed è tra i borghi più belli d’Abruzzo. 

Cosa vedere a Santo Stefano di Sessanio

Cosa vedere a Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio: cosa vedere

Arroccato su una collina a poco più di 1200 metri slm, Santo Stefano di Sessanio è un borgo antico e rimasto quasi intatto. Presenta abitazioni ed edifici realizzati in pietra calcarea bianca che rendono passeggiare tra i suoi vicoli, alcuni dei quali molto stretti, un’esperienza piacevole. Oggi è meta di turismo non convenzionale, quel turismo di nicchia fatto di persone che sono costantemente alla ricerca di mete fuori dall’ordinario, particolari. Grazie all’azione di riqualificazione delle case abbandonate da parte di un giovane imprenditore svedese, oggi questo centro a poca distanza da L’Aquila e dalla famosa Rocca Calascio, è stato trasformato in “albergo diffuso”.

Santo Stefano di Sessanio: albergo diffuso

Per chi non lo sapesse l’albergo diffuso è una tipologia di sistemazione che assomiglia ad un hotel per i servizi offerti (colazione, servizio di ristorazione, reception) ma con la caratteristica di essere appunto “diffuso”. Le stanze si trovano all’interno del centro storico di una città o di un borgo, a non più di 200 metri dallo stabile in cui è situata la reception e permettono di vivere “like a local”, quindi a stretto contatto con i residenti. Di solito questa tipologia di sistemazione alberghiera è realizzata in borghi spettacolari come, ad esempio, Santo Stefano di Sessanio.

In un albergo diffuso, quindi, le camere, gli spazi comuni tipici degli hotel e i ristoranti sono distribuiti nel borgo. Proprio qui, a Santo Stefano di Sessanio, il borgo e le sue caratteristiche, nella riqualificazione, sono state perfettamente mantenute. 

Passeggiare per le strade di questo borgo con vista sulle montagne circostanti è davvero un’esperienza da fare. Io ci sono stata e ho passeggiato sotto la pioggerella che cadeva. Non mi importava, è stato bello ed è stato come avere tutto il borgo per me. Non c’era nessuno in giro, c’era il silenzio. C’era la bellezza tutta da scoprire e c’era la curiosità di conoscere un luogo bello e che sembrava quasi uscito da una favola.

Una particolarità di questo borgo è la mancanza di vere e proprie mura. Le mura, infatti, sono sostituite da case che si susseguono una dopo l’altra in modo da non lasciare spazio. Se vi trovate in Abruzzo, vi consiglio assolutamente di visitare Santo Stefano di Sessanio! 

Se questo articolo vi è stato utile condividetelo con altri viaggiatori! E non dimenticate di seguirmi sui miei profili social Facebook e Instagram 

Comments

  1. Che belli questi borghi. Questa estate ho visitato per la prima volta Rocca Calascio (meravigliosa e ora conto di rivisitarla quest’inverno, casomai la trovo innevata come spero), nonostante vada spesso in Abruzzo visto che mia mamma è originaria di Pescara. Siamo passate per Santo Stefano di Sessanio questa estate, terminata la visita a Rocca Calascio, ma proprio in quel momento era scoppiato un temporale e quindi non ci siamo fermate. Sicuramente tornerò e lo esplorerò bene 🙂

    1. Ciao Valentina 🙂 considera che anche quando ci sono stata io pioveva! Sicuramente sono due luoghi davvero belli che vale la pena di vedere!

Lascia un commento

EnglishItalian