Como in un giorno: info sulle attrazioni da non perdere e le ville più belle

Visitare Como in un giorno è possibile? Da troppo tempo desideravo vederla e visitare l’omonimo lago e devo ammettere che non ha assolutamente disatteso le mie aspettative, tutt’altro. È stato davvero piacevole passare una giornata alla scoperta delle sue bellezze. Certo un solo giorno a disposizione per visitare Como è poco ma in questo articolo ti suggerirò le migliori cose da non perdere a Como in un giorno. Ancora oggi la città conserva ricche testimonianze del suo passato, specialmente del periodo medievale. Considerata una delle più belle cittadine della Lombardia, Como affaccia sul lago a cui da il nome, conosciuto anche come Lario. Ma vediamo insieme un itinerario per visitare Como in un giorno. 

Il Lago di Como

Sapete che il Lago di Como è il lago più profondo d’Italia? E che è il terzo lago più grande dopo il Lago di Garda e il Lago Maggiore ma il più grande dal punto di vista perimetrale? Presenta, infatti, 170 km di costa! Caratterizzato da montagne che scendono ripide nel lago e splendidi paesi arroccati a dare colore al territorio, è diviso in due “rami”. Ciascuno dei rami ha una sua provincia, Lecco sul ramo di destra e, appunto, Como su quello di sinistra.
Distante da Milano circa 50 km si può raggiungere in auto con la A9 dei Laghi o in treno, mentre l’aeroporto più vicino è quello di Milano Malpensa.
Cittadina che diede i natali ad Alessandro Volta, famoso scienziato e inventore italiano (inventò la pila elettrica), è ricca di richiami a questo personaggio storico di cui va fiera, tra cui piazze, un museo e statue commemorative. Como è visitabile a piedi in una giornata e vi assicuro è una cittadina che vale davvero la pena vedere!

Cosa vedere a Como in un giorno: il lungolago e “Life Electric”

Una delle attrazioni principali, e sicuramente tra le più belle, da vedere a Como è il lungolago. Passeggiare lungo la riva del lago in tutta tranquillità e con una vista simile è davvero qualcosa di unico. Ragione questa per cui, in un itinerario per visitare Como in un giorno, una passeggiata sul lungolago non dovrebbe mai mancare! Uno dei lungolago più famosi è senza dubbio Lungo Lario Trieste. Seguendo questo tratto di lago si arriva alla cosiddetta “diga foranea“, opera di sbarramento che permette una camminata di qualche centinaio di metri sul bacino lacustre e su cui è posizionata un’attrazione particolare.

Si tratta di “Life Electric”, una scultura in acciaio inossidabile realizzata dall’artista Daniel Libeskind nel 2015, alta quasi 14 metri e rappresentante due sinusoidi (una specie di curve) contrapposte. Dedicata allo scienziato Alessandro Volta, presenta alla base una fontana e una panchina circolare su cui sedere. Da qui si può godere di un’ottima vista sul lago e sul paesaggio circostante, in particolare sulla cittadina.

Cosa vedere a Como

Il Tempio Voltiano

Passeggiando sul lungolago si raggiunge il Lungolago Marconi e i giardini dove ha sede il Tempio Voltiano, il museo più visitato e sicuramente uno dei posti da vedere a Como. Si tratta di un edificio realizzato nel 1927 in occasione del primo centenario della morte di Alessandro Volta, a cui questo “tempio” è dedicato. Questo edificio nacque come contenitore per l’esposizione permanente di tutti gli oggetti e i cimeli appartenuti a Volta, oggetti che egli stesso utilizzò durante i suoi esperimenti.

Tempio Voltiano: orari e prezzo di ingresso 

Aperto tutti i giorni tranne il lunedì (10-12/15-18), prevede un biglietto di ingresso di 4€. Con le due statue raffiguranti la Fede e la Scienza ai lati dell’ingresso, questo museo in stile neoclassico ricorda molto le famose ville del Palladio e ha richiami classici, come si può notare dalla facciata e dal timpano su cui è impresso il nome dello scienziato.

Il Monumento ai Caduti

Suggestivo il Monumento ai Caduti, una torre alta 30 metri edificata per ricordare i caduti della Grande Guerra. Se aperto si può salire fino alla sommità e godere così di una vista a 360° su Como e sul lago.

Cosa vedere a Como

Cosa visitare a Como in un giorno: La Passeggiata delle Ville

Passeggiare sul lungolago a Como significa anche immergersi nella storia e nella cultura, nella bellezza architettonica delle sue ville che hanno un panorama da far invidia! Superato lo stadio incontrerete la cosiddetta “Passeggiata delle Ville”, un percorso che tocca ville sei e settecentesche. Tra queste Villa Gallia, la più antica, e Villa Saporiti, risalente alla fine del 1700 aperte, purtroppo, soltanto in occasione di mostre ed eventi.

Villa Olmo

La più grande e sontuosa delle ville è sicuramente Villa Olmo, considerata un’attrazione imperdibile della zona. Bellissima la villa così come il giardino con accesso diretto al lago, a cui si può accedere gratuitamente. Non perdetevi una visita a questo tratto di lago, mi raccomando!

Como: cosa visitare tra storia e religione

I duemila anni di storia che hanno caratterizzato Como si possono percepire passeggiando tra le sue viuzze che ricalcano, ancora oggi, il disegno della città romana, ricca di capolavori romanici e medievali. Tra questi la Basilica di Sant’Abbondio (edificio-simbolo del romanico comasco) e il Palazzo del Broletto (palazzo comunale di origine duecentesca). Il Palazzo del Broletto affianca il Duomo, quasi a sottolineare il legame tra il potere comunale e quello della Chiesa. Il Duomo fu costruito tra la metà e la fine del 1400 e conserva importanti arazzi e dipinti del 1500. A questi edifici si aggiunge sicuramente la Basilica di San Fedele, affiancata da un possente campanile ed inserita in una piazza molto vivace, piazza condivisa con abitazioni moderne colorate e altre risalenti al XVI secolo, riconoscibili per la struttura in legno a vista e la muratura a spina di pesce.

Particolari anche il Teatro Sociale e la Casa del Fascio, che si incontrano aggirando il Duomo. La Casa del Fascio, uno dei maggiori esempi di architettura razionale italiana, è caratterizzata da linee geometriche e ospita oggi un piccolo museo della Guardia di Finanza.

Dove dormire a Como

Belle anche le piazze, come Piazza Volta e Piazza Mazzini, una ridosso all’altra, con ristoranti e caffè, che introducono alla grande terrazza sul lago, Piazza Cavour, uno spazio aperto con vista sul lago. Proprio a Piazza Cavour ho scelto di soggiornare, così da avere una bella vista sul lago al mattino. L’hotel da me scelto è l’Hotel Metropole Suisse, comodo per la posizione, dotato di parcheggio giornaliero, con la possibilità di camere vista lago. Le camere sono comode, anche se la struttura sembra avere, internamente, un aspetto un pò datato. Comunque, lo consiglio per la posizione sul lungolago.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Comments

  1. Como e il suo lago sono bellissimi luoghi. Ogni tanto mi piace farci un salto, nel week end è sempre un po’ problematico il traffico ma basta scegliere gli orari giusti o prendere il treno

    1. Peccato che ho potuto vedere poco della zona 🙂 Sicuramente devo tornarci e spenderci qualche giorno in più!

  2. Ci siamo trasferiti da quasi un anno a Milano e siamo sempre alla ricerca di gite fuori porta! Questo articolo è davvero super utile, lo consulteremo sicuramente quando andremo a Como! Grazie

    1. Ciao cara 🙂 Grazie a te per esser passata e per il tuo commento! Mi fa piacere tu abbia trovato interessante l’articolo! 🙂

Lascia un commento

error: This content is protected.