Passaporto per il cane: come richiederlo, costo e quando serve

Con l’arrivo della bella stagione e la possibilità di tornare a viaggiare insieme al nostro amico a quattro zampe occorre essere in regola con tutti i documenti da portare con noi in viaggio. In questo articolo vedremo insieme come richiedere il passaporto per il cane, quando serve, dove si fa, quanto costa e le tempistiche per riceverlo. 

Passaporto per il cane
Photo by Ja San Miguel on Unsplash

Passaporto per il cane: come richiederlo e quando serve 

Qualora fosse intenzionati a viaggiare fuori dall’Italia con il vostro amico a quattro zampe sappiate una cosa: è necessario il “Passaporto per animali da compagnia” per i viaggi nell’Unione Europea e il certificato internazionale di espatrio per i paesi extra Ue. Si tratta di documenti indispensabili per ogni tipo di viaggio: che sia in auto, in aereo o in treno. Ma come si richiede il passaporto per il cane? La richiesta deve essere fatta al Servizio Veterinario delle Asl. Sono necessari: 

  • documento e codice fiscale del proprietario che saranno registrati sul passaporto 
  • microchip e registrazione all’anagrafe regionale
  • vaccinazione antirabbica (effettuata dopo l’impianto del microchip)
  • libretto sanitario che attesi la vaccinazione antirabbica in corso di validità se eseguita prima della richiesta passaporto
  • certificato di buona salute rilasciato 48 ore prima dal veterinario di fiducia

La vaccinazione può essere effettuata presso servizi veterinari dell’Asl locale in ambulatori dove è prevista la pratica o dal proprio veterinario di fiducia.

Cose da sapere:

  • la vaccinazione antirabbica può essere eseguita solo su animali di almeno 12 settimane di vita (i cani che hanno meno di tre mesi non possono essere vaccinati contro la rabbia)
  • è valida soltanto dal 21° giorno dall’avvenuta vaccinazione quindi, se avete intenzione di fare richiesta passaporto prima di un viaggio, tenete ben a mente questo e calcolate bene i tempi – vi consiglio di informarvi un paio di mesi prima della partenza
  • controllate bene i requisiti necessari di ciascun paese perché potrebbe capitare che vengano richieste altre vaccinazioni oltre a quella antirabbica 

Contenuto del passaporto

Il “Passaporto per animali da compagnia – Pet Passport” è composto da diverse sezioni: la sezione riguardante i dati del proprietario, la descrizione dell’animale in cui è inserita una foto e sono indicate razza, sesso, data di nascita e colore del mantello, la sezione che riguarda il microchip o tatuaggio necessari per l’identificazione, indicazioni sulle vaccinazioni in particolare quella antirabbica che come accennato è obbligatoria.  

Quanto costa il passaporto per il cane? E in quanto tempo viene rilasciato?

Il costo del rilascio del passaporto è di € 19,00 circa. Non ha scadenza, quindi la sua durata corrisponde alla vita dell’animale, a differenza dei vaccini che invece devono essere rinnovati. Per quanto riguarda il rilascio le tempistiche dovrebbero essere molto brevi. Nel caso in cui l’ufficio a cui avete fatto richiesta non fosse oberato di lavoro vi potrebbe essere rilasciato all’istante. 


Paesi europei per cui è valido il passaporto per il cane

I paesi europei per cui è valido il passaporto sono i seguenti: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. 

Verificate sempre, però, le regole di ciascun paese. 

Paesi con regole speciali

Come accennato possono esserci dei paesi dell’Unione Europea che oltre al passaporto richiedono anche altra documentazione o hanno regole speciali. Ecco quali sono:

  • Gran Bretagna, Irlanda e Malta non consentono l’ingresso alle seguenti razze di cani o incroci: pitbull terrier, dogo argentino, tosa giapponese e fila brasileiro
  • Islanda richiede un permesso di importazione
  • Finlandia, Inghilterra, Irlanda, Malta e Norvegia oltre al passaporto richiedono il trattamento per echinococco effettuato tra le 24 e le 120 ore prima dell’ingresso nel paese.
Passaporto per animali domestici
Photo by Karsten Winegeart on Unsplash

Documentazione necessaria per viaggi Extra UE

In caso di viaggi in paesi al di fuori dell’Unione Europea il passaporto non è sufficiente. È infatti necessario il certificato internazionale (anche se poi per rientrare in Europa vi servirà comunque il passaporto). Per la richiesta sono necessari iscrizione all’anagrafe canina, certificato di buona salute e vaccinazione antirabbica. Per qualsiasi info vi consiglio di leggere sui siti ufficiali delle ambasciate per capire se sono necessarie documentazioni aggiuntive e se vi è possibile portare con voi il vostro amico a quattro zampe. Ogni paese, infatti, può avere regole diverse. 

Alcuni esempi:

  • Australia, Emirati Arabi, Israele, Seychelles o Singapore richiedono un permesso di importazione
  • alla Maldive non è consentito portare i propri animali domestici
  • in paesi come Australia o Nuova Zelanda è prevista un quarantena di almeno 30 giorni 

Per la stesura di questo articolo, puramente informativo, mi sono informata sui diversi siti disponibili online (ministero, asl di competenza etc). Vi consiglio, ovviamente, di controllare sempre sul sito delle varie ambasciate e presso i servizi veterinari della vostra Asl in quanto le regole potrebbero variare nel tempo e potrebbero essere necessarie ulteriori documentazioni. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: 

Lascia un commento

error: This content is protected.