Il Pozzo di San Patrizio di Orvieto

Chiunque, credo, abbia almeno una volta nella vita sentito parlare del famoso Pozzo di San Patrizio di Orvieto. Se non l’avete ancora fatto ve ne parlo in questo articolo. Sapete? Prima dei 28 anni non ero mai stata ad Orvieto ma dalla mia prima volta sono tornata e ritornata. Questo perché Orvieto è uno dei miei luoghi preferiti in Italia. Adoro le sue architetture, le sua piazze, il Duomo, uno degli edifici religiosi più belli al mondo. Adoro Orvieto per l’atmosfera che si respira passeggiando tra le sue stradine e i vicoli più nascosti. E se c’era una cosa che volevo vedere ad Orvieto è proprio il Pozzo di San Patrizio! 

Il Pozzo di San Patrizio ad Orvieto: perché questo nome?

Pensando al Pozzo di San Patrizio può sorgere spontanea una domanda: cosa c’entrerà mai il santo patrono irlandese con la bellissima cittadina di Orvieto?! In realtà molto poco, potremmo quasi dire nulla.
Originariamente indicato con il nome Pozzo della Rocca, questo pozzo soltanto successivamente sarà collegato al santo per la “somiglianza” alla cavità naturale in cui San Patrizio si recava per pregare. Si tratta del cosiddetto “Purgatorio di San Patrizio” situato in Irlanda.

La sua costruzione

Il Pozzo di San Patrizio di Orvieto sarà commissionato nella prima metà del 1500 ad Antonio da Sangallo in Giovane, con la finalità di costruire qualcosa che permettesse alla vicina Rocca di Albornoz di approvvigionarsi d’acqua. Si tratta di una grandissima opera di ingegneria idraulica, soprattutto per la doppia rampa di scale elicoidali che permettevano l’ingresso e l’uscita dei muli usati per l’approvvigionamento, senza intoppi e senza che questi si incontrassero.

Le scale come la struttura di un DNA

Le due rampe, infatti, seguono due andamenti differenti e non si incontrano mai. Avete presente la struttura del DNA? Ecco, le scalinate del Pozzo di San Patrizio sono proprio così! Sono disposte allo stesso modo. Una trovata geniale, non trovate?

E’ dotato inoltre di due porte: una riservata a chi scende e quindi entra, l’altra riservata a chi sale e quindi esce.

Il Pozzo di San Patrizio di Orvieto: la struttura

Il Pozzo di San Patrizio si presenta come un cilindro con una larghezza di 13 metri e un’altezza di circa 55 e scendere per poi risalire può risultare abbastanza faticoso se non si è allenati.
Indossate delle scarpe comode e adatte all’occasione, mi raccomando, altrimenti potreste avere delle difficoltà nella discesa. Io il giorno della visita, del tutto fuori programma, indossavo un bel paio di stivaletti col tacco, perfetti no? Sono stata costretta dalla ripida discesa a toglierle. Risultato? Discesa senza scarpe e con le calze inzuppate dall’acqua e dall’umidità! Scegliete sempre un abbigliamento comodo nelle vostre gite fuori porta. Può capitarvi di dover visitare un luogo all’interno del quale indossare scarpe col tacco o infradito non sia proprio una grande idea. Rischiereste di rovinare la vostra visita, cosa che a me comunque non è successa. Ho semplicemente tolto le scarpe e sono scesa tenendole in mano. 

Per quanto riguarda l’affaccio alle tante finestre che permettono di guardare verso il basso, senza protezioni c’è da dire una cosa. Per chi soffre di vertigini questo risulterà abbastanza complicato. 

La scala elicoidale

All’interno del Pozzo di San Patrizio vi divertirete a guardare persone che salgono ma che in realtà non incroceranno mai il vostro stesso cammino. Quando ve ne accorgerete per la prima volta resterete quasi scioccati, credetemi.
Arrivati sul fondo una passerella vi permetterà di raggiungere l’altra scalinata, quella che vi riporterà in alto e all’uscita. Questo è il momento più difficile, ma se siete abbastanza allenati potete farcela senza problemi.

Il Pozzo di San Patrizio di Orvieto

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Castel Sant’Angelo a Roma – Consigli per la visita.

Il Pozzo di San Patrizio è una costruzione così particolare che merita di esser vista almeno una volta nella vita e, soprattutto, percorso! Si trova ad Orvieto, la bellissima cittadina umbra arroccata su uno sperone di tufo, nella zona della stazione della funivia. Accanto al pozzo un bel parco con torri da cui godere dello splendido panorama sulle vallate sottostanti e fare due passi in tranquillità.

Pozzo di San Patrizio a Orvieto: costi e orari di apertura

​L’ingresso al sito ha un costo di 5€ intero e 3€ ridotto.

Orari di apertura:
Gennaio-Febbraio-Novembre-Dicembre: dalle 10 alle 16:45;
Marzo-Aprile-Settembre-Ottobre: dalle 9 alle 18:45;
Maggio-Giugno-Luglio-Agosto: dalle 9 alle 19:45.

Non dimenticarti di seguire le mie pagine social Facebook, Instagram e Pinterest per non perdere le prossime avventure! 

Lascia un commento