Come scegliere la tenda da campeggio

Decidere di passare una notte in “campeggio” è un ottimo modo per allontanarsi dallo stress quotidiano e avvicinarsi alla natura, ma questo tipo di vacanza presuppone organizzazione, attrezzature e tanta voglia di adattamento. Tra le attrezzature necessarie vi è, sicuramente, la tenda e avere con sé quella giusta è un fattore molto importante per la buona riuscita dell’escursione! Vediamo insieme come scegliere la tenda da campeggio

Come scegliere la tenda da campeggio: le diverse tipologie

Innanzitutto vi è una grande differenza tra le diverse tipologie di tende presenti sul mercato. Quattro sono i modelli principali: la cosiddetta tenda a igloo, la canadese, la tenda a tunnel e la tenda a casetta.  Scegliere una tipologia piuttosto che un’altra non è solo una questione di gusto ed estetica, poiché ogni tipologia ha caratteristiche completamente diverse l’una dall’altra. 

Tenda a Igloo

La tenda a igloo prende il nome dalla sua caratteristica forma, simile proprio alle abitazioni eschimesi. È molto facile da montare e offre molto spazio nella parte posteriore che può essere utilizzata per riporre, ad esempio, zaini e attrezzatura. 

Tenda da campeggio
Clicca sull’immagine per dare un’occhiata alla tenda.

 

Tenda canadese

Questa in particolare è la tipica tenda da campeggio presente nell’immaginario comune. Di solito ha dimensioni ridotte e si distingue dalle altre tipologie per gli spioventi molto pronunciati. Montarla è abbastanza semplice. 

Tenda da campeggio
Clicca sull’immagine per vedere la tenda sul sito.

Tenda a tunnel

Questa tipologia di tenda combina la facilità di montaggio al comfort degli spazi ed è perfetta per famiglie o per chi si sposta in zone poco ospitali dal punto di vista climatico. Ha una forma nata dall’unione di tende a casetta e tende a igloo. 

Tenda da campeggio
Clicca sull’immagine per vedere la tenda

Tenda a casetta

Questa tenda, sicuramente, garantisce il maggior livello di comfort e presenta una divisione tra la zona giorno e la zona notte e la sua forma ricorda proprio una casa, da cui il nome. Il montaggio, rispetto alle altre tipologie, è più complesso e di solito viene usata da chi sceglie di passare periodi medio-lunghi in campeggio (di sicuro non è consigliata per soggiorni di una o due notti). 

Un aspetto molto importante nella scelta di una tenda è anche la forma della pianta che può essere tonda o quadrata. Ad esempio, la tonda non garantisce, al contrario di quelle di forma quadrata o rettangolare, l’uso dell’intera superficie.

La scelta in base ai posti:

Uno dei fattori principali nella scelta di una tenda è il numero dei posti a disposizione, cosa che va a incidere sulla qualità della vacanza. Il consiglio principale è quello di scegliere una capienza maggiore rispetto a quella necessaria, perché un po’ di spazio in più tornerà sicuramente utile anche per riporre all’interno l’attrezzatura e gli zaini così da non lasciarli all’esterno. Potresti addirittura, per soggiorni medio-lunghi, scegliere una tenda con zona giorno separata dove poter mangiare, sedere per un momento di relax e, in base al modello, stare addirittura in piedi. 

Come scegliere la tenda da campeggio: Rapidità di montaggio e smontaggio

Uno degli aspetti principali da valutare nell’acquisto di una tenda è la rapidità con cui possiamo montarla e smontarla. Questa varia a seconda della struttura. Ad esempio, il montaggio ad “archi”, quindi quello classico, porta via più tempo sia per il montaggio prima che per lo smontaggio poi.
Nelle tende fino a 3 persone è presente il montaggio cosiddetto “2seconds”, molto veloce. Il più veloce ed intuitivo, però, è sicuramente il montaggio “Air”, con archi gonfiabili. 

Monotelo VS Doppio telo:

Le tende da campeggio possono essere classificate anche in base alla loro composizione, se in monotelo o in doppio telo.
Le monotelo sono realizzate con un unico involucro esterno. Sono ottime per l’estate grazie alla buona traspirazione e sono facili da trasportare, anche se non garantiscono una grande resistenza alle temperature molto basse.
Le tende a doppio telo, invece, sono realizzate con due strati di protezione e l’isolamento dall’esterno è, quindi, maggiore. Sono indicate per i climi più freddi e le zone piovose poiché il telo esterno, quando impermeabile, garantisce che l’acqua e l’umidità non si infiltrino. 

Come scegliere la tenda da campeggio: Il peso e i materiali

Altro aspetto importante è il peso e conoscere l’esatto peso della tenda che stiamo acquistando ci permette di sapere in anticipo se può essere spostata rapidamente. Controllate sempre che la tenda che acquistate abbia una buona sacca che serve a contenerla, in modo da poterla trasportare anche in situazioni disagiate.   ​

La caratteristica principale, che va a condizionare il prezzo, il peso e quindi la scelta finale della tenda, è la combinazione di materiali che i produttori scelgono di utilizzare per la sua costruzione.
Di solito il corpo, quindi i teli interno ed esterno, della tenda è realizzato in poliestere rivestito da sostanze ignifughe e impermeabili. Per la paleria (quindi l’insieme di pali che costituiscono lo scheletro della nostra tenda) i materiali utilizzati sono la fibra di vetro come soluzione economica, o l’alluminio per una maggiore resistenza alle temperature più basse (in più l’alluminio è leggero e facilmente trasportabile).

Per il pavimento ci sono opzioni in polietilene o nylon, il primo buono ed economico, il secondo di migliore qualità e sicuramente più costoso. Importanti sono, poi, i picchetti, che devono essere robusti. Se pensate che i picchetti che avete non siano il massimo dell’efficienza acquistate in anticipo dei ricambi, in modo da poterli sostituire in caso di bisogno.
Una buona tenda deve avere, poi, le cuciture “nastrate” per evitare le infiltrazioni d’acqua e la camera interna in materiali come il policotone (molto traspirante, anche se da bagnato ci mette un bel po’ ad asciugarsi) e nylon (molto leggero e si asciuga rapidamente, anche se ha una minore traspirazione). 

Sicurezza:

Avere prodotti sicuri e di ottima qualità è un aspetto importante quando si sceglie di dormire in tenda. La prima cosa da valutare è che la nostra rispetti gli standard di sicurezza e abbia proprietà ignifughe, per evitare spiacevoli inconvenienti in campeggio. 

Come scegliere la tenda da campeggio: Consigli utili

Possono essere utili accessori come il sacco a pelo e, magari, un fornelletto da campeggio, anche se della scelta della giusta attrezzatura ne parleremo in un prossimo articolo.
Per le prime esperienze si può optare per un modello semplice, che si possa montare con facilità.
Tenete bene a mente il mezzo con cui la trasporterete. Nel caso in cui vi servisse per passare una notte in montagna durante un trekking, avere un modello che non sia pesante, dovendo trasportarla insieme allo zaino, può essere la scelta migliore. 

Direi che, a questo punto, sai come scegliere la tenda da campeggio! Quale prodotto hai scelto di acquistare? Fammelo sapere nei commenti!

Questo post contiene articoli sponsorizzati che puoi acquistare su Amazon senza alcun sovrapprezzo per te. Collegandoti ad Amazon utilizzando i link di sponsorizzazione e acquistando sul sito mi permetterai di ricevere una piccola percentuale, utile per sostenere le spese del blog che con amore curo.

Non dimenticare di iscriverti alle mie pagine social Facebook, Instagram e Pinterest per restare sempre aggiornato! 

POTREBBE INTERESSARVI ANCHE: 15 attrezzature per un’escursione perfetta

Comments

  1. Ho sempre fatto campeggio e devo dire che bene o male ho provato un po’ tutte le categorie di tenda: quando ero ragazzina e non volevo dormire in roulotte coi miei, avevo una canadese che già allora aveva la bellezza di 20 anni, ma ancora faceva il suo lavoro a livello ottimale. Poi sono passata a una tenda a casetta con due “Camere” e il “soggiornino”, da ben 5 posti, correlata da gazebo, mobiletto e fornelletto per due fuochi; avevo addirittura il frigo piccolino! Infine, per star via una notte, mi sono premunita di un comodo mini-igloo da 2 che si monta nel giro di pochi minuti (ma no, non è quello che si “lancia” e si “monta” perchè poi per smontarlo ci si mette sempre una vita!).. 🙂

Lascia un commento