Spello in un giorno: cosa vedere nel paese dell’arte e dei fiori

Erano anni che desideravo visitare Spello, piccolo borgo umbro famoso per le sue infiorate. E devo ammettere che non ha deluso affatto le mie aspettative. In questo articolo ti do consigli su cosa vedere a Spello in un giorno, le attrazioni imperdibili e dove parcheggiare. 

Spello in un giorno

Visitare Spello in un giorno

Andiamo alla scoperta di Spello, la “splendidissima colonia Julia”. Così era chiamata dai Romani quando passò sotto il loro potere. Hispellum, antico centro umbro, divenne infatti un municipio romano nel 90 d.C.

Situata in provincia di Perugia, da cui dista circa 30km, è famosa per i suoi vicoli fioriti e curati e per l’infiorata che si tiene ogni anno nel mese di maggio (quest’anno annullata causa Covid-19). Ma non solo, i fiori sono così importanti per Spello che ogni anno, tra giugno e luglio, si tiene il concorso “Finestre, balconi e vicoli fioriti” in cui si premiano le migliori composizioni floreali del borgo. Visitare Spello in un giorno, data la sua grandezza, è possibile e grazie alla sua posizione potrete unirla alla visita di centri umbri come Foligno, Gubbio e Assisi. 

Spello in un giorno: le attrazioni da non perdere

Porta Consolare

Quali sono le attrazioni da non perdere a Spello? Vi consiglio di iniziare la visita partendo da una delle sue porte, Porta Consolare. Porta Consolare costituiva la porta d’accesso alla città antica ed è inserita nella cinta muraria fortificata più antica e tra le meglio conservate d’Italia. La porta si trova in Piazza del Mercato e presenta una torre sormontata da un albero di ulivo, il cosiddetto “oro di Spello”. Sulle colline circostanti il borgo, infatti, viene prodotto un ottimo olio extravergine d’oliva. 

Via Consolare e la Cappella Tega 

Proseguendo da Porta Consolare il percorso è tutto in salita ma facilmente percorribile. Su Via Consolare, la via principale del borgo, si apre “Via Borgo San Sisto 4”, uno dei vicoli più belli di Spello e vincitore di diverse edizioni della competizione “Finestre, balconi e vicoli fioriti”. Inutile dirvi che ho scattato così tante foto e registrato così tanti video in questo piccolo vicolo tutto colorato. Immagino che voi farete la stessa cosa. Del resto si tratta di uno degli angoli più instagrammabili di Spello.

Spello in un giorno

Continuate su Via Consolare fino a raggiungere la cosiddetta Cappella Tega o di S. Anna. Questa cappella ha una storia particolare. Guardando all’interno attraverso la vetrata potrete notare tracce di vecchi affreschi. Sapete che gli affreschi furono scoperti per caso dal sarto, a cui si deve il nome della cappella, che aveva aperto qui la sua bottega? 

Cappella Tega

Chiesa di Santa Maria Maggiore

Questa chiesa del XII secolo è importante per la Cappella Baglioni, decorata con un ciclo di affreschi del Pinturicchio. Detta anche “Cappella Bella”, sulle sue pareti sono raffigurate le scene dell’Annunciazione, l’Adorazione dei Pastori e la Disputa di Gesù con i dottori. Una delle cose più belle della Cappella Baglioni è sicuramente il pavimento: realizzato con maioliche di Deruta. Da non perdere, poi, gli affreschi del Perugino. 

Cappella Baglioni Pinturicchio

Casa Romana del I secolo d.C. 

Da vedere, poi, la casa romana del I secolo d.C. con i suoi mosaici in bianco e nero e la cui iscrizione “Vespasiana Polla” fa pensare fosse appartenuta alla madre dell’imperatore Vespasiano.

Palazzo Urbani Acuti o Palazzo Cruciani

Un vero gioiello di Spello. Fino agli inizi dell’800 questa era l’edificio privato più importante del borgo. Se vi state chiedendo perché abbia due nomi ve lo spiego subito: Palazzo Urbani Acuti dalla prima famiglia che qui vi abitò, Palazzo Cruciani da quello dell’ultima. 

Porta Venere e le Torri di Properzio 

Percorrendo Via Torri di Properzio, un vicolo che a me è piaciuto molto, si arriva ad una delle attrazioni imperdibili di Spello: Porta Venere e Torri di Properzio. Porta Venere è un’antica porta romana caratterizzata da tre ingressi, il centrale dei quali di dimensioni maggiori rispetto ai due laterali, e prende il nome dalla sua vicinanza ad un tempio dedicato a Venere, dea della bellezza. Ai lati della porta due torri, le cosiddette Torri di Properzio. Ma chi era Properzio? Si tratta di un famoso poeta latino la cui città natale è contesa tra diverse città umbre, fra cui proprio Spello. 

Spello in un giorno

Arco Romano, Chiesa e Torre di San Severino

Tra le altre cose che vi consiglio di vedere a Spello in giorno ci sono senza dubbio: l’Arco Romano, la Chiesa e la Torre di San Severino

Detto anche Porta all’Arce, l’arco romano permetteva la comunicazione tra il monte Subasio e la città alta. Era posto, infatti, nel punto più alto della città. Qui si trovano anche la Chiesa di San Severino, chiesa ad una navata realizzata nel IV secolo in uno dei punti più alti di Spello e accanto l’omonima torre alta ben 16 metri e realizzata nel XV secolo. 

I vicoli fioriti di Spello: perdersi tra la bellezza 

Il mio consiglio più grande però è questo: perdetevi tra i vicoli di questo splendido borgo. Lasciatevi incantare dagli edifici in pietra, dai colori e dal profumo dei fiori. Dagli scorci sul territorio circostante. Se avete un solo giorno a disposizione per vedere Spello vi consiglio di scegliere le attrazioni che considerate imperdibili e di proseguire il giro lasciandovi guidare dall’istinto. Spesso è proprio così che si scoprono angoli nascosti ma molto belli e poco noti ai più. 

Spello in un giorno

Consigli utili per visitare Spello: dove mangiare e dove parcheggiare

Spello rientra sicuramente nella lista dei borghi più belli che ho visto. Se decidete di visitarla in un giorno non perdetevi comunque una degustazione di prodotti locali. Vi consiglio una visita all’Enoteca Properzio, dove poter trovare vini prestigiosi sia italiani che esteri. Fermatevi per assaggiare prodotti locali come salumi, formaggi e bruschette con il famoso olio di Spello, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino. 

Dove parcheggiare a Spello

Diversi sono i parcheggi disponibili. Ne trovate uno su Via della Liberazione ed uno su Via Martin Luther King. Vi consiglio quest’ultimo perché situato a pochi minuti a piedi da Porta Consolare. 


Spello è davvero un bel borgo e vi consiglio di visitarla in un weekend on the road nella stupenda regione che è l’Umbria! 

Se questo articolo ti è stato utile condividilo con altri viaggiatori sulle tue pagine social. Io ti aspetto su Facebook, Instagram e Pinterest

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

error: This content is protected.