Rodi – Il viaggio di Martina sulla bella isola greca

Blogger in Viaggio - Wanderlustviola
Reading Time: 5 minutes

Per la rubrica “Blogger in Viaggio” ho scelto di parlarvi del mio primo viaggio, il mio primo volo aereo destinazione Rodi, nell’estate 2016. Questa esperienza mi è rimasta nel cuore perché l’ho vissuta dopo un anno doloroso e difficile, ma soprattutto perché mi ha permesso di scoprire le particolarità di quest’isola.

Rodi è l’isola più grande del Dodecaneso (Grecia), è posta al confine con l’Oriente e viene chiamata anche “Isola delle Rose” grazie al clima e alle bellezze naturali che ospita. Secondo la mitologia quest’isola nacque dall’amore di Elio, Dio del Sole, per la ninfa marina Rode, che presterà il nome anche alla capitale.

Premetto che abbiamo prenotato l’intero viaggio con Alpitour (era un viaggio premio), quindi ci siamo affidati a loro anche per le escursioni e gli spostamenti. Le attività proposte erano molto interessanti, anche se comprendere in una sola giornata più attrazioni, dislocate in parti differenti dell’isola, può essere stancante e non rientrare tra gli interessi di tutti. Per questo motivo voglio consigliare i luoghi che meritano davvero il biglietto d’ingresso e le ore passate sotto il sole.

Blogger in Viaggio Rodi - Wanderlustviola

Lindos:

Il primo è Lindos, piccola cittadina collinare a sud dell’isola, caratterizzata da case con colori tipici della Grecia (bianco e azzurro/blu), a tratti purtroppo molto turistica. Le strette viuzze sono stracolme di bancarelle e negozi dove sono esposti prodotti alimentari ed oggetti caratteristici locali, alternati a souvenir largamente commercializzati ovunque.

La salita all’Acropoli di Lindos, che ospita le rovine del Tempio di Atena Lindia (ingresso 6 Euro), puó essere fatta a piedi oppure cavalcando degli asini. Noi siamo saliti a piedi, 20 minuti circa. Dall’alto si può vedere la baia di Lindos e scattare fotografie panoramiche pazzesche.

Blogger in Viaggio Rodi - Wanderlustviola

Lindos è ottima per immedesimarsi nella cultura del luogo poiché molti quartieri hanno mantenuto buona parte delle abitudini, architetture e mestieri del passato (piú di Rodi sicuramente). Un esempio è Bonis Ceramics, noto laboratorio di ceramiche tipiche dell`isola di Rodi, un negozio stracolmo di ceramiche di ogni tipo. L’attrazione vera e propria sono gli artigiani che creano i propri lavori davanti ai turisti. Sicuramente una meta insolita, adatta agli amanti delle diverse culture e per portare a casa un souvenir stravagante.

Rodi:

Rodi, capitale dell’isola, è invece situata a nord-est. Grazie ad una visita guidata abbiamo scoperto la divisione della città tra due quartieri. Il Quartiere dei Cavalieri (città alta), dove si possono vedere ancora oggi le orme lasciate dai Cavalieri di San Giovanni che vissero qui per ben 213 anni. E il Quartiere Popolare (città bassa e moderna), composto per lo più da ristoranti tipici, hotel e negozi di ogni tipo, soprattutto pelletterie.

Si dice che Rodi sia la città medievale meglio conservata in Europa, basti pensare al Collachium cioè la Fortezza dei Cavalieri, il labirinto di vie della cittá vecchia abitata da greci, turchi ed ebrei, l`Ospedale dei Cavalieri che oggi ospita il Museo Archeologico oppure il Palazzo del Gran Maestro distrutto in un`esplosione e ricostruito (in versione piú moderna purtroppo) come residenza di Mussolini e Vittorio Emanuele III.

Capitale ricca di storia ed attrazioni, forse è proprio per il turismo che non ha conservato tradizioni particolari al di fuori del Quartiere dei Cavalieri.

Siana: 

Siana, paesino montuoso, è poi conosciuto per la produzione di vino, olio, miele e Ouzo (liquore ad alta gradazione alcolica). Qui è possibile fare delle degustazioni su prenotazione. Sorprendente è la Chiesa Ortodossa di St. Pantaleimon, ricca di affreschi (molto particolare il dipinto dell’Ultima Cena) e adornata in stile tipico ortodosso. Vi sono soltanto 3 negozi nel paese, dove si possono comprare souvenir tipici o meno ad un prezzo molto conveniente rispetto alle grandi cittá.

Blogger in Viaggio Rodi - Wanderlustviola

Acropoli di Kamiros:

Acropoli di Kamiros (versante nord-ovest), fondata dai Dori intorno al VII secolo, diventata un fiorente centro di commercializzazione data la sua posizione geografica. La città venne distrutta da un terremoto ed oggi ospita un noto sito archeologico.

Un’esperienza toccante ed interessante, un luogo tranquillo e pulito, ma soprattutto di dimensioni inimmaginabili. 

Valle delle Farfalle:

Famosa sull’isola di Rodi è la Valle delle Farfalle (Butterfly Valley) dove si possono incontrare alcune specie dai mille colori, granchi che passeggiano liberi e alcuni pesciolini nei vari laghetti e ruscelli. Questa attrazione è un’ottima soluzione se si vuole stare lontano dal chiasso tipico della spiaggia. Informatevi sul periodo migliore per visitarla, altrimenti non vale la pena di pagare il biglietto di 6 Euro per l’ingresso. Questo perché purtroppo le condizioni climatiche che cambiano stanno rovinando questa bellissima attrazione e le farfalle non migrano più secondo un preciso “calendario“ come accadeva fino a qualche anno fa.

Blogger in Viaggio Rodi - Wanderlustviola

Gita in barca: 

Bella la gita in barca che ci ha portato in prossimità di diverse spiagge della costa sud-est, tra cui la baia di Anthony Quinn, set cinematografico del film “I cannoni di Navarone“ che prenderà il nome dal protagonista dello stesso. Ovviamente ci si ferma al largo. Vi è la possibilità di tuffarsi dal pontile di 4 metri e fare snorkeling tra mille specie acquatiche. Nel nostro tour abbiamo avuto la fortuna di incontrare i delfini, anche se in lontananza.

Info pratiche: 

  • il mezzo più utilizzato per spostarsi è il motorino, su qualsiasi spiaggia ci sono chioschetti molto esotici;
  • una giornata in spiaggia con sdraio ed ombrellone costa la metà rispetto all’Italia;
  • il cibo locale è particolare ma molto buono;
  • le strade sono molto panoramiche ma con un codice stradale abbastanza diverso dal nostro.

Rodi è un’isola da sogno dove si possono trovare attrazioni per tutte le etá, dove la natura è rigogliosa grazie ad un clima particolarmente favorevole e dove le credenze mitologiche sono sentite ancora oggi.

Ci tornerei volentieri, anche se questa volta in autonomia. E sceglierei come mezzo di trasporto il motorino per essere libera di scovare altri luoghi caratteristici!

Ringrazio infinitamente Martina per aver condiviso con noi la sua esperienza di viaggio sull’isola di Rodi. La verità? Mi ha messo una gran voglia di partire! Nel frattempo vi invito a seguirla sulla sua pagina Instagram

Se ti sei perso l’articolo della scorsa settimana sul Giappone ti consiglio di leggerlo cliccando qui

Comments

  1. Adoro le isole greche. Tutte. Rodi è meravigliosa per le tracce di storia di cui parli tu ma anche perchè nonostante i tanti turisti si riescono a trovare anche piccoli angoli tranquilli. Lindos vale il viaggio!

    1. Immagino quanto sia bella Rodi! Io l’ho raccontata attraverso l’esperienza di Martina. In Grecia sono stata solo a Creta per il momento, ma sogno isole come Santorini, Mikonos, Zante, Naxos.

Lascia un commento

EnglishItalian